PROGRAMMI DI GESTAZIONE SURROGATA

Concetti medici della maternità surrogata


La fecondazione in vitro (FIVET) è la tecnica di riproduzione assistita utilizzata nella maternità surrogata, in cui gli ovuli e gli spermatozoi sono uniti (in laboratorio). Dando origine ad embrioni che saranno trasferiti nell'utero della donna gestante.


In un procedimento di maternità surrogata sì. Nel caso della donna e futura madre. È possibile scegliere un programma individuale con ovuli propri.

in questi casi di procedimenti di maternità surrogata si raccomanda sempre realizzare una FIVET con ICSI, sia che la concentrazione o mobilità siano basse. A questo bisogna aggiungere la questione relativa alla morfologia spermatica quando incontriamo casi anormali, e valutare la possibilità di una diagnosi genetica preimpianto.

Se è interessato a saperne di più sul prezzo della gravidanza surrogata in Italia con diagnosi genetica preimpianto, La invitiamo a contattarci per prenotare una appuntamento telefonico gratuito. Raccomandiamo ai futuri genitori di consultare un avvocato specializzato in fertilità prima di procedere a realizzare un programma di maternità surrogata.

Per un procedimento di maternità surrogata in Italia in questo caso dovete mettervi in contatto con il nostro genetista, che verificherà la presenza/assenza di alterazioni genetiche responsabili di una malattia ereditaria nelle coppie portatrici di patologie genetiche. si analizzeranno sequenze specifiche di DNA.

Se è interessato a saperne di più la invitiamo a contattarci per prenotare una appuntamento telefonico gratuito, in modo da poterci esporre il suo caso e ricevere assistenza personalizzata.

In un procedimento di maternità surrogata la diagnosi genetica preimpianto (PGD) è una tecnica di laboratorio che permette di studiare il DNA degli embrioni e scartare quelli che presentano determinate anomalie ereditarie. Questa tecnica è particolarmente utile in caso ci siano casi di malattie genetiche o cromosomiche nella famiglia e si effettua all'interno dei programmi di Fecondazione in Vitro. O quando vogliamo conoscere il sesso del bebe o assicurarci che l'embrione impiantato non presenti anomalie genetiche.

In un procedimento di maternità surrogata viene consigliato a chiunque voglia effettuare uno studio preventivo degli embrioni prima dell'impianto alla gestante. Questo studio permette di controllare le 23 coppie di cromosomi, con il fine di poter avere un figlio sano.

In un procedimento di maternità surrogata con la PGD si possono studiare le anomalie preesistenti nella famiglia, o quelle più frequenti come la trisomia 21 o sindrome di Down, que viene sempre accompagnata da un grado importante de deficit intellettuale e permette aspettative di vita relativamente lunghe.

Le trisomie 13 e 18 hanno un tasso di mortalità molto alto, tanto intrauterino come alla nascita. Il feto appena nato con trisomía 13 (causa la sindrome di Patau: il figlio/a ha tre copie di materiale genetico del cromosoma 13) di solito muore nelle prime ore dal parto.

Nel caso della trisomia 18 (síndrome di Edwards), solo in rare occasioni raggiunge l'anno di vita. La seconda alterazione per frequenza, dopo la sindrome de Down, è la sindrome di Turner, che consiste nella perdita di un cromosoma sessuale.

In un procedimento di maternità surrogata la selezione del sesso significa conoscere il sesso del bebè prima di effettuare il trasferimento dell'embrione nell'utero della gestante. Si dovrà utilizzare la Diagnosi Genetica Preimpianto, nella quela si studia l'informazione cromosomica, inclusi i cromosomi sessuali XX ed il XY. Questa tecnica è l'unico metodo efficace, verificato al 100% per determinare il sesso del suo futuro figlio/a.

medici di maternità surrogata

In un procedimento di maternità surrogata in Italia non è permessa la selezione del sesso. Tra i paesi nei quali questa selezione è permessa vi è l'Ucraina. Da molti anni mantiene una legislazione molto aperta e completa in materia di riproduzione assistita, che permette di studiare le cause dell'infertilità.

Il procedimento di maternità surrogata in Italia di solito dura tra i 12 e i 18 mesi partendo dalla firma dei contratti iniziali. A partire da ciò tutto dipende dal tempo necessario per raggiungere la gravidanza e che questa giunga a buon fine.

In un processo di maternità surrogata questa affermazione è totalmente falsa. Nei paesi in cui esiste una legislazione sulla maternità surrogata (ad eccezione del Regno Unito), la donna gestante non può tenere il bambino.
Questo si riflette già nel contratto prima di iniziare il trattamento. Spesso questo malinteso è dovuto al fatto che il paese dell'intenzione dei genitori richiede una deroga per essere autenticata. Ciò può implicare che la donna gestante abbia una possibilità, ed è dovuto al fatto che nel paese dei genitori d'intenzione non esiste una legge in materia, e nel tentativo di "adattare" il caso alla sua legislazione attuale, lo assimila come "adozione" da parte del secondo coniuge, e nelle adozioni è richiesta la rinuncia della madre biologica. In Ucraina, quindi, la gestante non ha alcun diritto sul bambino.

In un processo di maternità surrogata, il maggior numero di donne gestanti sostiene che uno dei motivi principali è quello di aiutare un'altra donna che non può essere madre a diventarlo. Sono loro stesse madri, e capiscono come si sente una donna che non può essere madre. Dopo tutto, il loro bambino è tutto per loro, e non concepiscono il mondo senza il loro figlio.
Questo le rende molto empatiche nei confronti di coloro che non possono avere figli. Il denaro non è tutto. Forse alcune donne gestanti hanno motivi economici. Ma in GestLife analizziamo ogni caso, per essere sicuri che tra le loro motivazioni quella economica non sia l'unica.

Durante un processo di maternità surrogata, la donna incinta vive a casa con la sua famiglia, il che le permette di avere l'equilibrio emotivo e l'affetto della sua famiglia.

In un processo di maternità surrogata il primo metodo di selezione delle donne gestanti è il colloquio psicologico. In molti paesi è obbligatorio avere un esame psichiatrico e devono fornire prove come un certificato tossicologico o un certificato penale. Se superano i test psicologici, si inizia la parte medica. Nella revisione con il referto medico, vengono effettuati altri test e si conclude con una diagnosi.

Se i risultati dei test non sono conformi alla norma, la donna gestante viene informata dei motivi per cui non è consigliabile effettuare tale trattamento.

Se i risultati sono positivi, questo porta alla partecipazione al programma di maternità surrogata, il medico-riproduttore elabora un piano di trattamento.

In un processo di maternità surrogata tra un test e l'altro troverete prove come: Uorografıa. - Esame terapeutico e rapporto sullo stato di salute. - Consulta psichiatrica. - Consulenza genetica. - Esami del sangue per RW, HIV, НвsAg, Epatite C - Gruppo sanguigno e fattore Rh. - Esame del sangue completo. - Emostasiiogramma. - Test di chimica del sangue. - Rilevamento citogenetico. - L'analisi delle urine. – Striscio della flora. - Esame citologico dello striscio cervicale - esame del bacino - Esame ad ultrasuoni degli organi pelvici - Esame dei materiali del canale cervicale (clamidia, micoplasma, ureaplasma, gonorrea, HSV, CMV) Tra molti altri...

In un processo di maternità surrogata in Italia, la donna gestante è una donna che offre la sua capacità di far nascere il figlio di un'altra persona o di una coppia. La sua unica funzione è quella di gestazione e di far nascere il figlio dei futuri genitori. La donna gestante non contribuirà mai con i propri ovuli, quindi non si instaurerà alcun rapporto genetico con il bambino. Infatti, nella maggior parte dei paesi è proibito per legge che una donna gestante contribuisca con il proprio materiale genetico. Se i futuri genitori non possono contribuire con i gameti, dovrebbero ricorrere alla donazione di gameti.

Sono i genitori che non possono diventare genitori in nessun altro modo e si rivolgono alla maternità surrogata come soluzione.



maternità surrogata


Concetti legali della maternità surrogata



In un processo di maternità surrogata, il congedo di maternità è strettamente legato al fatto del parto. Per ottenere il congedo di maternità è sufficiente presentare un certificato di nascita rilasciato dal corrispondente Ufficio del Registro Civile, al fine di accreditare la maternità e godere di un meritato congedo, per potersi prendere cura dei propri figli. Se siete interessati a conoscere i prezzi per la maternità surrogata in Italia o per saperne di più sulla maternità surrogata, vi invitiamo a contattarci per prenotare una consulenza telefonica. Consigliamo ai futuri genitori di consultare un avvocato specializzato prima di procedere alla richiesta di un congedo materno o paterno per un bambino nato attraverso la maternità surrogata.

legale maternità surrogata

Tipi di maternità surrogata


Nei processi di maternità surrogata sono chiamati anche i Genitori Definitivi, poiché sono la persona o le persone che hanno cercato per anni di avere un figlio biologico o adottato, naturalmente o attraverso il processo in vitro, e non ci sono riuscite.

I genitori designati sono tipi di coppie e individui di diversa condizione sociale o preferenza sessuale, come le donne single e le coppie eterosessuali che lottano contro l'infertilità e l'incapacità di avere un figlio che non sono in grado di portarlo a termine da soli a causa dell'infertilità o dei rischi per la salute. O anche uomini single o coppie di uomini gay dello stesso sesso che sono alla ricerca di un bambino e non possono ricorrere all'adozione.

Per scegliere il posto migliore per realizzare il vostro sogno di genitori, vi consigliamo di contattare un consulente familiare della GestLife.

Poiché in alcuni paesi europei (Spagna, Francia, Italia, Germania, ecc.) il processo di gestazione per sostituzione non è regolamentato, deve essere effettuato un processo di filiazione.


La filiazione è il rapporto giuridico che si instaura tra genitori e figli, da cui deriva una serie di diritti e doveri.

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), con sede a Strasburgo, lo ha chiarito molto bene e ha emesso due sentenze, sostanzialmente identiche nelle loro motivazioni, condannando lo Stato francese per aver impedito la registrazione dei bambini nati attraverso la maternità surrogata con il riconascimento della loro filiazione attraverso la maternità surrogata contratta dai genitori francesi. Questi sono i cosiddetti casi Mennensson e Labasse, con i quali ha stabilito un'importante dottrina.

"La Corte europea dei diritti dell'uomo, tuttavia, ritiene che questa presunta efficacia extraterritoriale di tali norme sia nell'interesse dei bambini. Essa afferma che ciò li priva di alcuni dei contenuti essenziali del loro diritto alla privacy, garantito dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. E afferma che non possono essere lasciati in una situazione di incertezza giuridica su aspetti essenziali della loro stessa identità, come la nazionalità e la parentela, che deriverebbero da un tale rifiuto di registrazione".

Ecco perché vi consigliamo di contattare un consulente familiare della GestLife se desiderate diventare genitori.


È una tecnica di riproduzione assistita umana (ART).

Il trattamento di fecondazione in vitro (FIVET) è una delle varie tecniche disponibili nel processo di maternità surrogata per aiutare le coppie e gli individui che hanno difficoltà ad avere un bambino.

Durante il trattamento di FIVET, gli ovuli vengono rimossi dalle ovaie della donna e messi in vitro (in una provetta, da cui deriva la parola "vitro"). L'ovulo viene poi fecondato dallo sperma in laboratorio. L'ovulo fecondato dallo sperma viene chiamato embrione e viene impiantato nell'utero della donna gestante, dove si prevede che si sviluppi in una gravidanza sana.

Insieme al trattamento di fecondazione in vitro, in laboratorio viene effettuata l'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI). Questo trattamento prevede l'iniezione di un singolo spermatozoo direttamente nell'ovulo. L'ICSI è raccomandato per le coppie in cui l'uomo ha un basso numero di spermatozoi o una bassa motilità spermatica, rendendo meno probabile che gli spermatozoi fecondino l'ovulo da soli. Per questo motivo l'inseminazione artificiale è sconsigliata.

Ricordate che, nella maternità surrogata tradizionale, la donna gestante utilizza il proprio ovulo in modo da poter effettuare un'inseminazione artificiale.

Nella maternità surrogata tradizionale o parziale, la donna gestante non ha alcun legame biologico con il bambino. La fecondazione in vitro (FIVET) viene eseguita con l'ovulo della futura madre o di una donatrice e lo sperma del futuro padre.

Volete ricevere più informazioni?

Vi aiutiamo senza impegno






La genitorialità ha cambiato le nostre vite. C'è stato un prima e un dopo. E il dopo, è stato molto meglio. Quindi abbiamo iniziato anni fa questo viaggio, per rendere reale l'irreale, e possibile l'impossibile. Oggi siamo più di 100 persone in 7 paesi.


Redes sociales